I migliori caschi per mountain bike 2020

I caschi sono forse l’attrezzatura più importante da avere durante la mountain bike.

La domanda importante è: qual è il miglior casco per mountain bike sul mercato oggi?

Vorresti qualcosa che offra un grande valore, comfort e, soprattutto, funzioni di sicurezza di alta qualità senza rompere la banca allo stesso tempo.

Ulteriori informazioni: Guida per l’acquirente di caschi per mountain bike

Sia che tu stia cercando percorsi, XC o caschi da discesa, li ho tutti coperti per te.

Di seguito troverai sicuramente quello più adatto a te.

Leggi anche : i migliori caschi per bici da corsa 

Ecco dei migliori caschi per mountain bike da considerare.

Giro Chronicle MIPS

Giro’s Chronicle è progettato per essere un’offerta di fascia media, ma ha superato le prestazioni di molte delle sue controparti molto più costose nel nostro test.  la Chronicle ha preso il primo posto senza evidenti punti deboli. Il nostro aspetto preferito di questo modello era la sua vestibilità versatile. La calotta EPS di Giro è stata perfezionata attraverso la sua decennale esperienza e si adatta alla maggior parte delle forme della testa senza problemi. Inoltre, Chronicle si trova in basso sulla testa per una calzata sicura e ad alta copertura, e il sistema di cinture Roc Loc tira tutta la testa. Con MIPS integrato nel suo interno, Chronicle offre anche una protezione moderna e tranquillità fuori pista.

Al suo prezzo basso, Chronicle non offre tutte le funzionalità di quanti modelli abbiamo testato. Mentre le caratteristiche che ha sono ben eseguite, non si ottengono gli stessi lussi come l’imbottitura antimicrobica o il rinforzo modellato nella calotta in EPS dei caschi Giro. Nonostante il numero e le dimensioni limitate delle prese d’aria, Chronicle si arieggia bene, ma non si accumula con le migliori prestazioni nel nostro test.

POC Tectal Race

 Tectal Race SPIN ha visto una forte competizione in questo test ed è stato stretto sul gradino più alto del podio. Rimane il nostro secondo modello più votato e gli abbiamo assegnato il nostro Top Pick per la protezione. Il Tectal ha una calzata profonda e una copertura della testa best-in-test. Presenta inoltre il sistema di protezione dagli impatti rotazionali POC, noto come SPIN, per un ulteriore livello di sicurezza. Un’ottima vestibilità con un sistema di regolazione della taglia di qualità e cinturini ben progettati rende facile mantenere il casco comodo e sicuro. Il Tectal ha anche la migliore ventilazione nella nostra selezione di test. Questo casco leggero presenta anche una visiera regolabile e un sistema di ritenzione della cinghia per gli occhiali, che si aggiunge alla sua già impressionante versatilità, con applicazioni che vanno dalle corse di fondo alle gare di enduro.

La nostra più grande lamentela con il Tectal è che la visiera è un po ‘meno user-friendly da regolare rispetto alla concorrenza. Sebbene sia uno dei caschi più costosi nella nostra recensione, riteniamo che rappresenti un buon valore considerando che è uno dei caschi per mountain bike più comodi e protettivi oggi sul mercato.

Giro Tyrant MIPS

Mentre lo stile è discreto, Tyrant vanta innumerevoli innovazioni tecnologiche sotto il cofano, tra cui la ventilazione del tunnel del vento e la tecnologia sferica MIPS. MIPS Spherical utilizza una coppia di strati di schiuma che funzionano come una palla e una presa per reindirizzare l’energia di impatto in un incidente. Uno strato è l’EPS, che ben si adatta agli incidenti ad alta velocità. L’altra è una schiuma EPP a densità inferiore con caratteristiche di rimbalzo per affrontare le fuoriuscite a bassa velocità e roll-around-in-the-dirt. La copertura aggiuntiva di questo design “full cut” migliora ulteriormente la capacità protettiva, portando il design del casco in una nuova direzione per i ciclisti che cercano stile sulla velocità.

Michelin Pro4 Endurance

Nonostante il suo prezzo di fascia media, Speedframe Pro è stato un contendente stretto per il nostro premio Editors Choice. Gli altri caschi in corsa per il primo posto supera per almeno 40 dollari in più rispetto allo Speedframe, eppure questo fortunato nuovo arrivato di recente rilascio ha quasi superato tutti. Comprende tutte le caratteristiche che ci aspetteremmo da un casco da trail top di gamma, tra cui un sistema di impatto rotazionale MIPS, schiuma EPS a doppia densità, una visiera regolabile adattabile agli occhiali e un sistema di imbracatura altamente regolabile. Sul sentiero, è stato uno dei modelli più comodi e ben ventilati che abbiamo provato. È leggero sulla testa e offre una vestibilità sicura e stimolante.

C’erano solo alcune cose che impedivano a questo casco di prendere il primo posto. Innanzitutto, è leggermente più pesante rispetto al resto dei modelli di fascia alta. Non è ridicolmente pesante in alcun modo, ma si attacca su un extra di cinquanta grammi sopra l’Aboscata Specializzata con ANGi. Inoltre, Speedframe non fornisce lo stesso livello di copertura degli altri contendenti. Nonostante quanto ci sia piaciuto questo casco, questi piccoli problemi ci hanno impedito di spingerlo in alto e nominarlo come nostra scelta degli editori. Indipendentemente da ciò, a un prezzo inferiore, vale comunque la pena dare un’occhiata a chiunque sul mercato per un nuovo coperchio di scelta.

Vittoria Corsa G2

Il Bell 4Forty MIPS è un altro casco economico che ha superato molti caschi che costano significativamente di più. Sembra robusto e protettivo con una copertura generosa e un rivestimento MIPS. È anche abbastanza comodo con una vestibilità piacevole e una vasta gamma di regolazioni nelle sue cinghie e nel sistema Float fit. Ha una grande visiera regolabile che fa un ottimo lavoro bloccando il sole ed è compatibile con gli occhiali. I tester hanno anche adorato l’esclusivo cuscinetto guida del sudore che è riuscito a dirigere il sudore verso l’esterno e lontano dal viso e prevenire gocciolamenti sulle lenti.

Mentre ci è piaciuto quasi tutto di 4Forty, abbiamo avuto un paio di lamentele minori. Le 15 prese d’aria fanno un ottimo lavoro per mantenere la testa fresca, ma era ben lungi dall’essere il casco meglio ventilato che abbiamo testato. È anche moderatamente pesante rispetto alla concorrenza più leggera, anche se riteniamo che il peso sia rispettabile considerando il prezzo richiesto. Se hai un budget limitato ma non vuoi risparmiare sulle prestazioni o sulle funzionalità, riteniamo che il MIPS 4Forty sia un’ottima opzione da considerare.

Smith Forefront 2

Smith ha fatto un enorme successo con Forefront nel 2013, portando a casa diversi premi per il design.

Forefront 2 è un degno successore del pluripremiato Forefront che ha debuttato nel 2013. Smith Forefront 2 presenta un materiale protettivo Koroyd nella sua costruzione, raddoppiando l’assorbimento degli urti per creare un casco tra i più leggeri e sicuri disponibili.

La vestibilità è quasi perfetta con il sistema di regolazione VaporFit che consente micro regolazioni per mantenere il casco aderente pur rimanendo comodo sulla testa. Come bonus, la visiera può essere regolata in 3 posizioni a seconda della corsa, degli occhiali da sole o se stai montando una videocamera o una luce sul casco.

Oakley DRT5 MIPS

Il DRT5 è l’ultimo tentativo di Oakley di espandersi dalla sua linea di occhiali da ciclismo.

Ha sicuramente fatto tardi con le sue impressionanti caratteristiche di sicurezza e comfort dell’array, peso ridotto e buon design. Alcuni di essi includono un nuovo canale sudore per mantenere la vista chiara, un portaoggetti integrato per gli occhiali e un sistema di adattamento che abbraccia l’intera testa per garantire una perfetta vestibilità per ogni persona.

L’esclusiva zona di atterraggio EyeWear ti consente di riporre gli occhiali da sole sul retro del casco. In questo modo si libererebbe lo spazio davanti per aumentare i flussi d’aria.

Come con molti caschi da mountain bike di alta gamma, il DRT5 è dotato di MIPS che ti darà la sicurezza di guidare attraverso i sentieri e bombardare le discese in velocità.

Schwalbe Pro One

Lo stato al 100% è quasi imbattibile per downhill e BMX, combinando tutte le ultime lezioni apprese sulla ventilazione integrale e sul risparmio di peso.

Provenienti da un’azienda con radici nel motocross, i produttori di questo casco sicuramente sanno qualcosa o due sulla protezione. Con una copertura integrale e prese d’aria a maglie del peso di 948 g, è sorprendente quanto sia traspirante questo casco.

Incorporando il sistema di raffreddamento attivo al 100%, il sistema di ventilazione ben progettato consente il flusso d’aria dalla parte anteriore a quella posteriore e anche il flusso d’aria verticale quando è fermo. È anche un’opzione conveniente per i ciclisti che stanno cercando di guadagnare un po ‘di velocità e cogliere l’occasione per alcuni dossi con alcune corse più difficili.

Bell Super 3R MIPS

Il Bell Super 3R è progettato come un casco 2 in 1 per tutte le escursioni in montagna e in discesa.

La mentoniera è facilmente rimovibile senza attrezzi che ti consente di percorrere sentieri e salite lunghe e ripide. Indossa la mentoniera, e ora avrai un casco integrale e pronto a bombardare le ripide discese a tutta velocità.

Il Super 3R viene fornito di serie con MIPS, un supporto per fotocamera POV rimovibile e una buona conservazione degli occhiali in una gamma attraente di colori. Alcuni potrebbero rinunciare al costoso prezzo, ma il Bell Super 3R ne vale la pena in quanto ti coprirà per tutti i tipi di mountain bike.

7 cose da considerare prima di acquistare caschi MTB

Se non sei sicuro di come scegliere il casco giusto per mountain bike, questa sezione mirerà a rispondere a quelle domande che potresti avere.

Diamo uno sguardo più approfondito alle cose da considerare quando si acquista un casco da mountain bike.

1. Tipi di caschi per mountain bike
Simile ai diversi tipi di mountain bike, le esigenze per ogni tipo di guida sono leggermente diverse.

pista

Il trail riding è lo stile più semplice di mountain bike, quindi i requisiti per i caschi sono un po ‘più semplici. Guidare su sentieri prestabiliti può essere il livello base della mountain bike, ma ciò non significa che non sia un favorito di tutti i tempi per veterani e neofiti.

I migliori caschi per il trail riding saranno i semigusci leggeri, ariosi e confortevoli come il Giro Fixture MIPS, che è un ottimo compromesso tra protezione e prezzo, o il POC Octal X che è uno dei più leggeri in circolazione.

Sci di fondo (XC)

La corsa campestre è per coloro che hanno un po ‘più di energia e un po’ meno pazienza per i sentieri, cavalcando in loop o percorsi fissi su vari tipi di terreno.

Con XC, ti aspettano alcune sorprese, quindi vorrai un casco robusto, che incorpora caratteristiche di sicurezza resilienti e fornisca un’eccellente visibilità per una reazione rapida, quindi un mezzo guscio come Oakley DRT5 o Smith Optics Forefront 2 è un’ottima scelta.

Chiunque sia mai scivolato giù da un pendio sa che non è il problema a scendere, ma a controllare il controllo (e in un unico pezzo). Questa è sia la sfida che il fascino della discesa libera, che di solito include rampe e salti e richiede la protezione più robusta.

La guida enduro consiste in una miscela approssimativamente uguale di salita e discesa, ma può anche includere molti degli stessi salti trovati in discesa. Essendo uno degli stili più pericolosi della mountain bike, non vorrai rinunciare alla protezione se sei abbastanza coraggioso da provare.

Per una discesa aggressiva o anche per l’enduro, avrai bisogno di un casco integrale, resistente, elastico, anche se se sei un po ‘più gentile, Bell Super 3R o 100% Status sono una buona scelta per l’enduro.

2. Vestibilità e comfort
Questa è la prima e più importante cosa da considerare quando si acquista un casco. Poiché indosserai il casco per lunghi tratti, vuoi qualcosa che ti senta bene e che offra una protezione eccezionale.

Un casco inadatto non può solo causare mal di testa, ma non fornisce una buona protezione in caso di caduta.

Naturalmente, non tutte le teste sono uguali, motivo per cui i produttori includono cinturini regolabili e cabestani nei loro caschi. Ciò consente di adattare perfettamente un casco in modo che i ciclisti di tutte le forme e dimensioni possano godere delle migliori caratteristiche di sicurezza.

I caschi ora sono disponibili in una vasta gamma di dimensioni, risparmiando la difficoltà di imbottire il casco per mantenerlo stabile o digrignare i denti per vivere con uno che pizzica.

3. Ventilazione
La mountain bike è sudata, un duro lavoro e non c’è niente di più fastidioso o di distrazione che avere il sudore gocciola costantemente negli occhi e nelle orecchie.

Quando acquisti un nuovo casco, tieni d’occhio uno con ampi canali sulla parte anteriore e superiore che consentirà all’aria di passare facilmente sopra la testa, raffreddandoti senza sacrificare la protezione.

Questo ti aiuterà anche a risparmiare denaro, perché il tuo casco avrà un odore più fresco e richiederà un po ‘meno manutenzione rispetto a uno imbevuto di sudore per le corse difficili.

Un buon esempio di caschi ben ventilati sono lo Smith Venture e il Giro Montaro che hanno rispettivamente 20 e 16 prese d’aria.

4. Funzioni di sicurezza
Tra tutte le caratteristiche del casco, la più importante sarebbe la sicurezza.

Le caratteristiche e le tecnologie di sicurezza si sono evolute negli ultimi anni con l’introduzione di MIPS, SPIN, Wavecel e Koroyd.

Diamo un’occhiata più da vicino a ciascuna delle funzioni di sicurezza.

MIPS

Il sistema di protezione dagli impatti multidirezionale (MIPS) è stato il primo dei sistemi di protezione avanzata introdotti sul mercato. Consiste in una fodera sul piano di scorrimento tra la schiuma e le imbottiture del casco che scivola e ruota per reindirizzare la forza lontano dal cervello.

MIPS è la tecnologia di sicurezza più comune disponibile per la sua affidabilità e familiarità e si trova in caschi come Giro Fixture, Specialized Ambush, Bontrager Solstice, Troy Lee A1 e Bell Super 3R.

ROTAZIONE

Shearing Pad INside (SPIN) è il sistema concorrente della società svedese POC nei confronti del MIPS, che utilizza un approccio leggermente diverso per ottenere lo stesso risultato.

SPIN utilizza una serie di cuscinetti in gel e sintetici che lavorano insieme per creare un movimento controllato per compensare durante un incidente.

SPIN è esclusivo di POC ed è incorporato nel POC Octal X.

Wavecel

Wavecel è un prodotto all’avanguardia di Bontrager che utilizza una rete di gel sintetico tra i cuscinetti e il guscio del casco per creare qualcosa di simile a una zona di sgualcitura.

In caso di impatto, il materiale elastico si flette e si sgretola in reazione alla forza nel punto di impatto per assorbirlo e reindirizzarlo. Bontrager afferma che questo è fino a 48 volte più sicuro dei tradizionali caschi in schiuma, ed è sicuramente una delle opzioni più futuristiche disponibili.

Koroyd

Koroyd è costituito da una rete che si adatta perfettamente alla testa e reagisce distribuendo la forza in un incidente.

Il punto unico di Koroyd è che è costruito con tubi di materiale che sono stati saldati insieme, eliminando gli adesivi che possono corrodersi o rompersi.

5. Standard di sicurezza
Tutti i caschi di marchi rinomati vengono sottoposti a test e certificazioni sugli standard di sicurezza prima di poter essere venduti. A seconda della regione, gli standard di sicurezza differirebbero leggermente.

È possibile trovare l’adesivo standard di sicurezza all’interno del casco.

Ecco i 3 cavalletti di sicurezza più comunemente usati nei caschi.

CE

CE o Conformité Européenne (Conformità europea) è lo standard di sicurezza per i prodotti fabbricati o venduti nello Spazio economico europeo. I caschi con questo marchio sono stati sottoposti a rigorosi standard di prova europei.

CPSC

La Commissione per la sicurezza dei prodotti di consumo degli Stati Uniti (CPSC) effettua dei test per garantire che i caschi non compromettano la vista, restino comodamente e saldamente in testa e non includano cinturini che si allungano in modo irragionevole.

AS / NZS

Lo standard australiano e neozelandese richiede che i caschi assorbano energia in caso di impatto, distribuiscano il carico e un sistema di ritenzione per assicurare che i caschi rimangano correttamente attaccati alla testa.

6. Peso del casco
La regola empirica nelle attrezzature da ciclismo è più leggera, meglio è.

La chiave sta trovando uno all’intersezione perfetta di robustezza, copertura e peso.

I caschi leggeri come il POC Octal X e lo Smith Forefront 2 che sono adatti per il trail probabilmente non lo taglieranno per la discesa.

Per la corsa campestre o su pista, i caschi possono pesare da 255 a 370 g, mentre un casco da discesa da 708 a 1135 g.

7. Sostituzione crash
L’opinione varia su quando sostituire un casco, ma la maggior parte dei produttori concorda sul fatto che dovresti prenderne uno nuovo dopo ogni impatto più significativo di una caduta.

Alcuni produttori come Bontrager sostituiranno persino un casco per te, spesso a un costo ridotto.

Ti piace questo articolo ?

Share on facebook
Share on Facebook
Share on twitter
Condividi su Twitter
Share on linkedin
Condividi su Linkdin
Share on pinterest
Condividi Pinterest

Aggiungi un commento